Punto a capo. L’Elogio della lentezza

“Chi va piano va sano e va lontano”. Questo lo slogan che accompagna l’edizione 2010 della rassegna Punto a Capo, che si svolgerà durante i mesi estivi e si chiuderà il 1 settembre con la celebrazione della “Festa del Creato”.
La Festa del Creato da cinque anni unisce tutte le Chiese europee nella riflessione e nella preghiera attorno alle tematiche ambientali, alla difesa e alla custodia del Creato e negli ultimi tre anni è stata celebrata anche nella nostra diocesi, con varie iniziative che allargano la riflessione su un arco di tempo più ampio.
Quest’anno in particolare è stato scelto come filo conduttore “la lentezza”; la lentezza dei tempi del nostro vivere, del produrre e del consumare, del godere delle bellezze del Creato e di custodirle e proteggerle.
Si tratterà di concerti (ad es. i Rio Mezzanino e i Martinicca Boison, Airportman e Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione), presentazioni di libri e incontri con gli autori, camminate in montagna e dialoghi con chi già da anni sogna e propone un nuovo scenario del nostro vivere. Da ricordare, tra gli altri, Maurizio Maggiani, Serge Latouche, economista di fama mondiale e teorico del movimento della Decrescita, Bruno Contigiani, presidente dell’associazione “Vivere con Lentezza”, Andrea Bocconi, scrittore, Luca Martinelli, giornalista.
Il primo settembre celebreremo la Festa del Creato con un incontro ecumenico alle ore 18 nella Chiesa di San Cristoforo dal titolo “Il valore del tempo” e termineremo la serata con uno spettacolo nella chiesa di San Giovanni con Erri de Luca e Gianmaria Testa.