DOPO TUTTO QUESTO INSENSATO SANGUE

“Tell everybody  Waiting for Superman  That they should try to Hold on the best they can”

avBJ9Lhggn0


NON E’ LECITO UCCIDERE IN NOME DI DIO

di Alois Glück, Wolfgang Huber, Aiman Mazyek, Charlotte Knobloch, Stephan Kramer in “www.bild.de” del 9 gennaio 2015 (traduzione: http://www.finesettimana.org)

Le religioni per la pace

Forte segnale per pace e tolleranza

In un manifesto comune, i rappresentanti delle tre grandi religioni in Germania invitano a pregare in moschee, chiese e sinagoghe per le vittime dell’attentato di Parigi: “Non è lecito uccidere in nome di Dio”, scrivono alti rappresentanti di cattolici, protestanti, ebrei e musulmani. Al contempo, si oppongono al terrorismo: “La Bibbia, la Torah e il Corano sono libri dell’amore, non dell’odio”.

A nome di milioni di cristiani, musulmani ed ebrei in Germania condanniamo l’attacco terroristico di Parigi e siamo in lutto per le vittime.
Le uccisioni sono un attacco, che profondamente respingiamo, alla libertà di pensiero e di fede e ai nostri comuni valori di tolleranza e amore del prossimo.
Non è lecito uccidere in nome di Dio!
La Bibbia, la Torah e il Corano sono libri dell’amore e non dell’odio. Ogni cristiani, ebreo e musulmano dovrebbe pregare oggi venerdì nella moschea, sabato nella sinagoga e domenica nella propria chiesa per le vittime di Parigi.
Per la reciproca comprensione, per la pace e per la libertà.
Condanniamo ogni forma di violenza in nome delle religioni. Combattiamo per la tolleranza nei confronti di coloro che hanno una fede diversa dalla nostra, o che non condividono la nostra fede in Dio.
Non tollereremo neppure che, in seguito agli spaventosi fatti di Parigi, venga attizzato l’odio contro i fedeli di un’altra religione di cui è stato fatto uso indebito per atti di terrorismo.
L’odio non è la giusta risposta all’odio. E l’intolleranza non è la giusta risposta all’intolleranza.
Solo insieme possiamo difendere i nostri valori e la nostra fede contro minoranze radicalizzate. Cristiani, ebrei e musulmani siamo uniti dalla fede nell’amore del prossimo, dalla nostra responsabilità davanti a Dio e dalla comprensione tra tutti gli uomini.
Non permetteremo che il fanatismo, il terrore e la violenza distruggano i nostri valori comuni.

Alois Glück (Zentralkomitee der deutschen Katholiken, comitato centrale dei cattolici tedeschi) Wolfgang Huber (ehem. Bischof in Berlin und Ex-Ratsvorsitzender der Ev. Kirche in Deutschland, vescovo emerito di Berlino ed ex presidente del Consiglio della Chiesa evangelica tedesca)
Aiman Mazyek (Zentralrat der Muslime in Deutschland, Consiglio centrale dei musulmani tedeschi)

Charlotte Knobloch (Präsidentin der Israelitischen Kultusgemeinde München und Oberbayern, presidentessa della comunità del culto ebraico di Monaco e Baviera Superiore)
Stephan Kramer (ehemaliger Generalsekretär des Zentralrats der Juden in Deutschland, ex segretario generale del Consiglio centrale degli ebrei tedeschi)


INTERESSANTE INIZIATIVA DI CONOSCENZA SU EBOLA


MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO PER LA GIORNATA DELLA PACE 2015

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE
FRANCESCO
PER LA CELEBRAZIONE DELLA
XLVIII GIORNATA MONDIALE DELLA PACE

1° GENNAIO 2015

NON PIÚ SCHIAVI, MA FRATELLI

1. All’inizio di un nuovo anno, che accogliamo come una grazia e un dono di Dio all’umanità, desidero rivolgere, ad ogni uomo e donna, così come ad ogni popolo e nazione del mondo, ai capi di Stato e di Governo e ai responsabili delle diverse religioni, i miei fervidi auguri di pace, che accompagno con la mia preghiera affinché cessino le guerre, i conflitti e le tante sofferenze provocate sia dalla mano dell’uomo sia da vecchie e nuove epidemie e dagli effetti devastanti delle calamità naturali. Prego in modo particolare perché, rispondendo alla nostra comune vocazione di collaborare con Dio e con tutti gli uomini di buona volontà per la promozione della concordia e della pace nel mondo, sappiamo resistere alla tentazione di comportarci in modo non degno della nostra umanità.

LEGGI IL RESTO DEL MESSAGGIO:
http://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/peace/documents/papa-francesco_20141208_messaggio-xlviii-giornata-mondiale-pace-2015.html


ESTERINA A DACCAPO PER NATALE

Sono passati 700 lunghissimi giorni.

Ma quest’anno invece sì, magari ci incontriamo il giorno di Natale.

Pensa se sarà freddo e se finalmente l’inverno sarà arrivato.
Esterina suona perché Daccapo rimane aperto di notte.
E’ la sua prima volta, di notte. Bisogna fare festa.
Se hai voglia, l’appuntamento è il 25 dicembre alle 21.30 In Via degli Stipeti, 31 a Coselli.
Nel buio, i cartelli ti diranno dove andare.


Caritas Lucca , P.le Arrigoni 2, Lucca - tel. 0583 430961 - caritas@diocesilucca.it.